IMMIGRAZIONE. Ecco il decreto flussi: 20mila posti in meno rispetto al 2007

Il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha firmato il decreto flussi 2008: porte aperte per 150.000 lavoratori extracomunitari non stagionali; due terzi dei posti sono riservati a colf e badanti. Se inizialmente si parlava di un decreto fotocopia di quello approvato nel 2007, così non è stato e infatti quest’anno ci saranno 20.000 posti in meno.

La parte del leone, considerata – recita il decreto – "l’attuale congiuntura economica e l’esigenza di dare riscontro in via prioritaria ai bisogni delle famiglie", la faranno colf e badanti, che occuperanno 105.400 posti. Nel precedente decreto erano 65.000 i posti riservati a colf e badanti. Gli altri 44.600 ingressi sono riservati ai lavoratori domestici o di altri settori produttivi, provenienti da Paesi che hanno sottoscritto o stanno per sottoscrivere specifici accordi di cooperazione in materia migratoria. Nel dettaglio, si tratta di 4.500 albanesi, 1.000 algerini, 3.000 bengalesi, 8.000 egiziani, 5.000 filippini, 1.000 ghanesi, 4.500 marocchini, 6.500 moldavi, 1.500 nigeriani, 1.000 pakistani, 1.000 senegalesi, 100 somali, 3.500 cingalesi, 4.000 tunisini.

Per i 150.000 nuovi lavoratori stranieri non ci sarà alcuna procedura per la presentazione delle domande. Si pescherà infatti tra coloro che hanno già inoltrato la richiesta per il precedente decreto attraverso la procedura telematica dei ‘click day’ (oltre 750.000) e che non sono rientrati tra i 170.000. Finora sono 112.000 i nulla osta assegnati. Paletti vengono però imposti ai datori di lavoro stranieri (nel 2007 furono presentate 420.000 domande per colf e badanti, la metà delle quali provenienti da lavoratori stranieri) per evitare regolarizzazioni ‘di comodo’. Saranno così prese in considerazione soltanto le domande dei datori stranieri titolari di Carta di soggiorno o che ne hanno fatto richiesta alla data di pubblicazione del decreto. A partire dal prossimo 15 dicembre, entro i successivi 20 giorni, il datore di lavoro straniero dovrà inoltre confermare l’interesse all’assunzione, tramite una pagina web che sarà resa disponibile sul sito internet del ministero dell’Interno. Per i datori di lavoro italiani vale invece la graduatoria già acquisita per l’ultimo decreto flussi.

PDF: Il testo del decreto

Comments are closed.