INFLAZIONE. Istat conferma a maggio stabile al 2,2%. Elettricità e combustibili +6,1%

Inflazione stabile a maggio al 2,2%, stesso dato di aprile. Lo comunica l’Istat, confermando la stima preliminare dello scorso 31 maggio. I prezzi, su base mensile sono cresciuti dello 0,3%. Nel mese di maggio gli aumenti congiunturali più significativi sono stati rilevati nei capitoli altri beni e servizi (+0,7%), trasporti (+0,6%) e servizi ricettivi e di ristorazione (+0,4%). Variazioni nulle si sono verificate nei capitoli abbigliamento e calzature, abitazione, acqua, elettricità e combustibili e istruzione. Variazioni negative nei capitoli comunicazioni (-0,8%) e ricreazione, spettacoli e cultura (-0,2%).

Gli incrementi tendenziali più elevati si sono registrati nei capitoli abitazione, elettricità e combustibili (+6,1%), bevande alcoliche e tabacchi (+5,2%), trasporti (+4%) e istruzione (+3%). Una variazione tendenziale negativa si è verificata nel capitolo comunicazioni (-3,2%). L’indice armonizzato dei prezzi al consumo (quello utilizzato su base europea) ha presentato una variazione di +0,3% rispetto ad aprile e del +2,3% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Comments are closed.