INFORMAZIONE. Libertà di stampa, Cittadinanzattiva e MDC aderiscono alla manifestazione del 19

Dopo Federconsumatori, anche Cittadinazattiva e Movimento Difesa del Cittadino aderiscono ufficialmente alla manifestazione a tutela della libertà di informazione indetta per il prossimo 19 settembre a Roma. "Crediamo importante che le organizzazioni civiche si schierino accanto alle migliaia di operatori dell’informazione che vedono in pericolo la loro capacità di produzione autonoma e indipendente di notizie. Sono infatti molti i segnali in questo senso che vediamo da diversi anni, e che in questo ultimo periodo ci preoccupano particolarmente. Saremo in piazza accanto a centinaia di migliaia di cittadini attivi che vedono nel ruolo di "cane da guardia" dell’informazione un elemento cardine del nostro sistema democratico. Inoltre, la stessa forza dell’azione delle organizzazioni di tutela dei cittadini e la loro capacità di incidere sulla realtà è strettamente legata alla libertà di informazione e agli spazi che notizie altrimenti invisibili possono trovare sui media", si legge ne comunicato stampa diffuso dall’associazione in cui Teresa Petrangolini, segretario generale di Cittadinanzattiva, spiega: "Aderiamo perché questo tema non appartiene ad uno schieramento politico o ad un altro anzi sarà una importante occasione per ribadire la necessità che la politica faccia un passo indietro, a cominciare dal servizio pubblico radiotelevisivo".

Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino, invece, in una lettera di sostegno al Presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Roberto Natale, e al Segretario generale, Franco Siddi ha espresso il suo pensiero. "La libertà di informazione – scrive – è "un diritto fondamentale della persona e del cittadino garantita dalla Costituzione. Al di là di ogni valutazione di parte, gli attacchi ripetuti agli organi di stampa, alle trasmissioni televisive Rai più scomode e addirittura contro singoli giornalisti, sono sintomo di una insofferenza contro la libera informazione che dovrebbe, secondo i responsabili di tali attacchi, servilmente plaudire chi esercita il potere politico". "Compito e dovere della libera stampa – si legge ancora nella lettera – è quello di controllare, documentare e informare, dando così modo al cittadino di formarsi liberi convincimenti".

 

 

Comments are closed.