INFORMAZIONE. Par condicio, a rischio talk show. Federconsumatori contro Commissione Vigilanza RAI

La par condicio si abbatte sulle trasmissioni di approfondimento televisivo. La Commissione di Vigilanza RAI ha infatti dato il via libera al regolamento per l’applicazione della par condicio: le trasmissioni di approfondimento vengono assimilate alla comunicazione politica e dunque rischiano di saltare per tutto il mese che precederà le elezioni regionali di fine marzo. Il provvedimento rischia dunque di impedire la trasmissione di talk show come Ballarò, Annozero, Porta a Porta, che se vorranno andare in onda dovranno praticamente ospitare delle tribune elettorali. Il provvedimento ha sollevato la protesta di Federconsumatori, che chiede attraverso il suo presidente Rosario Trefiletti la "soppressione di una commissione che, da inutile, è diventata dannosa".

"Abbiamo sempre sostenuto – afferma Federconsumatori – l’inutilità della Commissione di Vigilanza RAI, visti i risultati della attuale situazione dell’informazione e della comunicazione nel nostro Paese, tra conflitti di interesse, nomine di "amici degli amici" e qualità del servizio. Oggi, a maggior ragione, dopo gli ultimi provvedimenti, ritorniamo a chiederne la soppressione, visto che inizia a fare anche dei veri e propri danni al tessuto democratico del Paese, imponendo regole allucinanti per i vari talk show televisivi e programmi di attualità, che, di fatto, saranno costretti ad interrompere le trasmissioni".

Comments are closed.