INFORMAZIONE. Presentata al Commissario Ue Reding la Carta per la libertà di stampa

Divieto di censura, libertà di accesso alle fonti di informazione nazionali e straniere, libertà di ottenere e diffondere le informazioni; questi sono alcuni dei dieci articoli che delineano i principi fondamentali che i Governi devono rispettare nei rapporti con i giornalisti. A contenere questi articoli è la Carta europea per la libertà di stampa che è stata consegnata oggi al Commissario Ue alle Tlc Viviane Reding dal caporedattore della rivista tedesca Stern, Hans-Ulrich J ö rges.

Firmata il 28 maggio da 48 giornalisti di 19 paesi la Carta è il frutto di un’idea nata nel 2007 durante una riunione fra la commissaria Reding, Hans-Ulrich J ö rges e altri caporedattori di vari giornali europei; praticamente è il risultato concreto delle discussioni fruttuose fra i vari mezzi di informazione e la Commissione europea per proteggere la stampa dalle interferenze dei governi e assicurare l’accesso dei giornalisti alle fonti di informazione.

"La Carta per la libertà di stampa – ha dichiarato Viviane Reding – riafferma con decisione alcuni valori fondamentali, quali il pluralismo dei mezzi di informazione e la libertà di espressione e di informazione, su cui si basano le tradizioni democratiche dell’Europa e che sono consacrati nei testi giuridici fondamentali".

"Inoltre – aggiunge Reding – ricorda che, per promuovere una vera libertà di stampa, le autorità pubbliche devono svolgere un ruolo preciso: devono essere pronte a proteggere la libertà di espressione e a favorirne lo sviluppo. La Carta rappresenta quindi un importante passo avanti per rafforzare questi valori e diritti fondamentali, che i giornalisti possono invocare nei confronti dei governi o delle autorità pubbliche quando vedono la libertà del loro lavoro minacciata in modo ingiustificato".

Per saperne di più cliccare qui

 

Comments are closed.