INFORMAZIONI. Domani quotidiani senza firme: la protesta dei giornalisti agli editori

"Da 639 giorni, infatti, gli editori si rifiutano di discutere del rinnovo del contratto nazionale. La loro idea di giornalismo e di informazione è assolutamente inaccettabile – si legge sul sito della FNSI – prevede che i giornali vengano realizzati da personale precario, attraverso la completa liberalizzazione dei contratti a tempo determinato; vogliono applicare la legge Biagi in modo da poter costringere un giornalista ad essere trasferito da una testata all’altra sotto forma di "prestito", vogliono che i responsabili delle redazioni siano posti sotto il controllo diretto dell’editore a cui dovranno obbedire pena il licenziamento; vogliono togliere gli scatti di anzianità biennali decurtando fino al 30 per cento le attuali retribuzioni; vogliono limitare i poteri agli organismi sindacale; vogliono imporre il trasferimento dei giornalisti in un’altra sede, dotandosi così di una possibile forma di ricatto contro i giornalisti scomodi. Nel frattempo, questi stessi editori violano in continuazione norme sindacali, regole e contratti".

Al di là delle specifiche richieste delle parti in causa, dicono dalla Federazione, è assolutamente intollerabile che in uno Stato di diritto un soggetto contrattuale come la Fieg possa sottrarsi per tanto tempo e senza plausibili motivazioni alla legittima richiesta della controparte di discutere insieme le regole della vita professionale e di relazione. Diritti e doveri che i giornalisti italiani sono sempre pronti a discutere, nonostante l’atteggiamento di incomprensibile chiusura dei loro editori. I giornalisti chiedono che non siano minate le garanzie minime per un’informazione democratica e libera da vincoli. "Ci opporremo con tutti i mezzi – conclude la nota – a nostra disposizione per evitare che questo continui ad avvenire. I giornalisti vogliono essere attori dell’informazione e non vogliono, non possono e non devono accettare di diventare solo comparse sulla scena".

Comments are closed.