INQUINAMENTO. Aduc denuncia: “Che fine hanno fatto le auto elettriche?”

L’aria delle nostre città è sempre più irrespirabile, a causa dei gas di scarico dei veicoli a benzina. Ed il costo del petrolio resta elevato. Ma dove sono andate a finire le auto a trazione elettrica? Se lo chiede Primo Mastrantoni, segretario dell’Aduc. "Se ne parlò per anni, dichiara Mastrantoni – si produssero dei prototipi, si pensò di installare dei distributori di energia elettrica simili alle pompe di benzina, anche per i motorini, si costruì qualche autobus elettrico ma tutto si è fermato in attesa di ulteriori tecnologie da applicare ai mezzi di trasporto".

"L’auto elettrica e quella a benzina – prosegue il segretario – furono prodotte più di un secolo fa: la prima, all’epoca, era più efficiente della seconda. Successivamente il basso costo del petrolio fece virare la scelta sul motore a scoppio. Oggi la situazione è diversa ma non si riesce a far decollare l’industria dell’auto elettrica. Eppure sarebbe un settore nel quale l’Italia potrebbe emergere, sempre che i governi nazionale e locale lo vogliano. Le nostre citta’ sono state costruite per i pedoni, i cavalli e le carrozze e non sono adatte per mezzi diversi. Quale argomento migliore potrebbe esserci, oltre a quello della salute? Certo, occorrerebbe scontrarsi con poteri industriali molto forti (le compagnie petrolifere e l’industria dell’auto tradizionale), ad iniziare dal nostro ENI che, attraverso l’Agip, controlla più del 40% delle vendite petrolifere, ma ne varrebbe la pena".

Comments are closed.