INQUINAMENTO. Smog, torna a Roma la campagna di Legambiente Mal’Aria

Tornano a sventolare dalle finestre romane le lenzuola di Mal'Aria, storica campagna per il monitoraggio dello smog urbano promossa da Legambiente. Anche quest'anno saranno effettuati controlli sul traffico, sulla qualità del trasporto pubblico e sullo stato dell'aria nella Capitale. L'edizione 2006 si apre mercoledì 22 novembre presso il VI Municipio di Roma: alle ore 18 in via Tor Pignattara (angolo via Casilina), i volontari del Circolo Città Futura di Legambiente ed i cittadini tappezzeranno la strada di lenzuola bianche, in segno di protesta contro il traffico della zona. La soluzione proposta è la deviazione di parte del traffico su via Filerete, in modo da favorire la viabilità. Risultato finale: meno auto, meno ingorghi e meno concentrazione di agenti inquinanti.

 

Il secondo appuntamento è previsto per il 6 dicembre alle ore 11:00, presso la Stazione Prenestina. In questa occasione la protesta verterà contro le Ferrovie dello Stato, per la mancata attuazione della segnaletica relativa alla pista ciclabile, lungo viale della Stazione Prenestina. Per sottolineare i lunghi tempi di attesa dell'intervento, saranno i volontari stessi, insieme ai cittadini, a realizzare la segnaletica. Nel corso del mese di dicembre si svolgerà il terzo appuntamento, che prevede il monitoraggio di alcune principali linee di trasporto pubblico che insistono sul Municipio. A tal fine i volontari del Circolo di Legambiente stileranno un dossier sulla situazione della mobilità sul territorio. Infine, è in programma per venerdì 19 gennaio 2007 il Trofeo Tartaruga, una divertente competizione cui prenderanno parte volti noti del territorio, come assessori, giornalisti, politici. La gara consiste in una sfida a cronometro tra differenti mezzi di trasporto (bicicletta, motorino, automobile, mezzo pubblico ecc). Scopo dell'evento sportivo è arrivare primi al traguardo riuscendo a sfuggire, in minor tempo possibile, al traffico e stimando la sostenibilità dei singoli mezzi di trasporto in relazione al tempo che si impiega per completare il percorso.

 

"Promuovere la mobilità sostenibile nel territorio – afferma Tiziana Coseglia, Presidente del Circolo Città Futura di Legambiente – come modello di vita è una nostra priorità. Per far questo è necessario che il trasporto pubblico sia di qualità ed efficiente e che gli utenti non siano penalizzati da questa loro scelta virtuosa. È importante dare priorità agli interventi di mobilità sostenibile e che i cittadini siano coinvolti in questo processo, finché ne capiscano a pieno le finalità che sono: vivere meglio i nostri quartieri, in maniera sana, senza inquinamento e senza rumore e, quindi, senza stress".

Comments are closed.