INTERNET. Acquisti on line, i consigli dell’Aduc

Si avvicina la corsa ai regali natalizi e molti consumatori si accingono ad effettuare i loro acquisti via internet. Ma quali sono le insidie che si celano dietro i pagamenti on line? L'importante, ricorda l'Aduc, è aver dotato il proprio pc di sistemi di sicurezza che garantiscono la transazione. In tal modo è possibile prevenire truffe ed usi fraudolenti della rete ai danni dell'ignaro consumatore.

 

I principali sistemi di protezione sono classificati SSL o SET. "Quest'ultimo in particolare – afferma L'Aduc – prevede l'attivazione di un codice, rilasciato dalla banca, che deve essere trascritto ogni volta che si effettua un pagamento. Il sistema di sicurezza è riconoscibile perchè nella barra degli indirizzi invece dell'iniziale http cè https ed è visibile un icona a forma di lucchetto o di chiave. Consigliamo sempre di controllare i costi del prodotto, ai quali vanno aggiunte l'IVA, le spese di spedizione e quelle doganali. Tutto cio' dovrebbe garantire il consumatore, almeno quanto il tradizionale utilizzo della carta di credito, soggetta anche essa ad uso fraudolento (può essere fatta scorrere due volte nell'apposito lettore o i numeri possono essere trascritti)".

 

"Per una ulteriore garanzia – conclude l'associazione – occorre controllare i resoconti che arrivano a casa e contestare eventuali addebiti di spese non effettuate. In caso di ripensamento per acquisti telematici, il consumatore, entro dieci giorni dal ricevimento della merce, deve inviare una raccomandata con avviso di ricevimento al fornitore, e, sempre entro dieci giorni, restituire la merce. Il fornitore deve restituire la somma versata entro trenta giorni dal ricevimento della raccomandata del consumatore". Per ulteriori informazioni in materia cliccare qui.

Comments are closed.