INTERNET. Adiconsum: “L’Agcom deliberi sulla qualità di accesso”

Qualità dell’accesso a Internet: oltre un anno di attesa per un documento completato nel luglio 2007 ma ancora chiuso nei cassetti dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. È la denuncia che viene dall’Adiconsum che ricorda come il tavolo, previsto dalla Direttiva in materia di qualità e carte dei servizi di accesso a Internet da postazione fissa, sia stato convocato con molteplici attori e abbia terminato un documento condiviso l’11 luglio del 2007. Da allora però più nulla. Dichiara il segretario generale dell’Adiconsum Paolo Landi: "Consumatori ed aziende hanno lavorato per un anno, su richiesta dell’Agcom, sulla qualità del servizio di accesso a Internet, trovando importanti punti di convergenza. Il rapporto, pronto da oltre un anno, è però chiuso nei cassetti dell’Agcom che si ostina a non deliberare. Un anno perso tutto a svantaggio dei consumatori che continuano a non sapere le reali prestazioni della loro connessione alla rete Internet".

Al tavolo, ricorda Adiconsum, si sono seduti stakehoders pubblici e privati, l’Istituto Superiore delle Comunicazioni e delle Tecnologie dell’Informazione (ora sotto il Ministero dello Sviluppo Economico), la Fondazione Ugo Bordoni; il Dipartimento Infocom dell’Università di Roma "La Sapienza", l’AIIP, il Mix, il Namex; il TILAB; i maggiori provider telefonici. "Un anno di duro lavoro per riuscire a trovare una linea condivisa da tutti per realizzare un documento che voleva avere l’obiettivo primario di essere coerente e che avrebbe messo il nostro Paese all’avanguardia a livello europeo nel controllo della qualità dell’infrastruttura per l’accesso da postazione fissa – dichiara l’associazione – Un anno di lavoro che ha visto tutte le parti in causa disposte a cedere alcune delle proprie prerogative a favore di un documento condiviso terminato il giorno 11/07/2007, che ora vede perdere l’efficacia giorno dopo giorno, a fronte delle continue mutazioni che questo settore produce senza soluzione di continuità".

Comments are closed.