INTERNET. Adiconsum: furto identità, vittima un italiano su quattro

Fra carte di credito clonate, smarrimento di documenti e acquisti online mai consegnati il 26% degli italiani, uno su quattro, è rimasto vittima inconsapevole almeno una volta di un furto d’identità o ne ha avuto esperienza indiretta. Liberi professionisti e commercianti sono le categorie più esposte, i residenti del Centro Sud i più colpiti. È quanto emerge dalla ricerca condotta da Adiconsum in collaborazione con Fellowes-Leonardi su un campione di 1325 consumatori.

Dalla ricerca è emerso inoltre che il 49% degli intervistati lascia memorizzate le proprie password sul pc, il 40% ancora non usa le carte prepagate per i propri acquisti online e il 55% getta via documenti contenenti dati sensibili senza distruggerli. Ma come avviene il furto d’identità? Il 53% degli intervistati vittima di questo fenomeno ha dichiarato di aver recentemente smarrito carte d’identità o estratti di conto corrente. Il reato avviene tramite clonazione di bancomat o carte di credito (25% dei casi), o attraverso dati presi attraverso acquisti online mai consegnati (28%). Pesano inoltre il phishing e gli addebiti per i servizi non richiesti.

La ricerca ha rappresentato anche occasione per lanciare una campagna di sensibilizzazione che si avvale di una guida dedicata dal titolo "Difendi la tua privacy" e del sito internet www.furtoidentita.com.

Comments are closed.