INTERNET. Aziende approvano codice per pubblicità online. UNC: maggior controllo privacy

IAB Europe, associazione per lo sviluppo della comunicazione pubblicitaria interattiva, ha presentato nei giorni scorsi a Bruxelles il nuovo Codice di autoregolamentazione in materia di pubblicità on-line. Il documento, “sottolineando le buone pratiche che puntano a rafforzare la trasparenza e il controllo da parte del consumatore, è stato firmato dalle aziende leader online”, afferma l’associazione, che per voce del presidente IAB Europe Alain Heureux sottolinea: “Le tecniche di pubblicità online richiedono la fiducia dei consumatori”.

Il provvedimento è stato accolto con favore dall’Unione Nazionale Consumatori per il quale si tratta di “un importante accordo che garantisce agli utenti della Rete maggiore trasparenza e un maggiore controllo della propria privacy”. Spiega il segretario generale UNC Massimiliano Dona: “E’ una prassi sempre più adottata quella di demandare alle associazioni professionali la redazione di codici comportamentali nelle materie dove non sarebbe agevole un intervento del legislatore, perché il confine tra lecito e illecito non può essere fissato in modo rigido e definitivo”. E prosegue: “I banner pubblicitari delle società che hanno aderito al Codice di autoregolamentazione per la pubblicità on-line potranno essere disattivati con pochi click del mouse, ma anche per tutte le altre società sono previsti meccanismi che indurranno a comportamenti maggiormente rispettosi della privacy. E’ bene chiarire che non sono previste sanzioni per chi non rispetta tale Codice, ma anche che, non rispettandolo, si viene privati del ‘bollino di qualità’ che premia invece i soggetti virtuosi”.

Comments are closed.