INTERNET. Gestione domini, si va verso maggiore apertura e indipendenza

Il principale organismo responsabile della gestione dei nomi di dominio di internet sarà più aperto e dovrà rispondere del proprio operato agli utenti internet di tutto il mondo. Si tratta dall’ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers), organismo americano che da oggi non sarà più soggetto esclusivamente al controllo unilaterale del Ministero statunitense del Commercio, ma dovrà riferire a panel indipendenti designati dal comitato consultivo governativo dell’ICANN e dall’ICANN stesso, con la partecipazione dei governi di tutto il mondo. È quanto riferisce la Commissione europea, che si compiace con l’iniziativa degli Stati Uniti e ha assunto l’impegno di accompagnare e sostenere, in stretta collaborazione con i 27 Stati dell’UE, l’attuazione delle riforme annunciate oggi.

La riforma del meccanismo di gestione prevede in particolare:

  • maggiore indipendenza da revisioni periodiche effettuate da un solo governo. Le decisioni adottate dall’ICANN riguardano infatti gli utenti di internet di tutto il mondo ed è perciò importante che si tenga conto degli interessi di tutti;
  • dovere di rendicontazione esterna nei confronti di panel di controllo indipendenti designati congiuntamente dal GAC (il comitato consultivo governativo dell’ICANN) e dall’ICANN. Il GAC è aperto ai governi e alle autorità pubbliche di tutto il mondo e offre consulenza al comitato direttivo dell’ICANN sugli aspetti politici delle sue attività. I panel valuteranno periodicamente i risultati conseguiti dall’ICANN rispetto agli impegni pubblici assunti.

"Mi compiaccio per la decisione dell’amministrazione statunitense di adeguare il ruolo chiave dell’ICANN nella gestione di internet per tener conto della realtà del ventunesimo secolo e della globalizzazione – ha affermato Viviane Reding, Commissaria europea alla società dell’informazione e ai media – Gli utenti di internet di tutto il mondo possono ormai confidare nel fatto che l’ICANN adotti decisioni sui nomi di dominio e sugli indirizzi in modo più indipendente e più responsabile, così da rispettare gli interessi di tutti. L’operato dell’ICANN sarà valutato regolarmente da panel esterni di controllo. Se attuata in modo efficace e trasparente, questa riforma riscuoterà un ampio consenso da parte della società civile, delle imprese e dei governi".

Comments are closed.