INTERNET. Italia-programmi.net, Adiconsum: più poteri di contrasto contro queste frodi

Nonostante la presa di posizione dell’Antirust che ha intimato alla società che gestisce il sito italia-programmi.net di sospendere ogni attività diretta a pubblicizzare, in via diretta o indirettamente tramite siti ponte, la fruizione gratuita di software, il sito continua a chiedere soldi non dovuti ingannando così i consumatori. A lanciare l’ennesimo allarme è Adiconsum. "È palese – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Adiconsum – che la società che gestisce il sito non ha alcuna intenzione di abbandonare le sue scorrette modalità di vendita, ma addirittura le sta intensificando".

L’Associazione chiede per questo motivo un intervento legislativo a tutela dei consumatori: occorre dotare la Polizia Postale e la Guardia di Finanza di strumenti più efficaci, come avviene per la lotta alla pedopornografia e alla violazione del diritto d’autore, per chiudere immediatamente i siti incriminati ed impedire che ignari utenti vengano raggirati. Adiconsum chiede, infine, l’intervento delle grandi aziende di software (Microsoft, Adobe Skype, etc.) affinché intervengano nella vicenda a propria tutela, visto che i siti come www.italia-programmi.net fanno pagare gli utenti per scaricare programmi che loro distribuiscono gratuitamente.

Comments are closed.