INTERNET. Operazione “Rete pulita”: sequestrati 2mila film pirata e 300 computer

Oltre due milioni di film "pirata", 4 internet point e 300 postazioni internet, da cui risultano scaricati i film in questione, per un valore commerciale di oltre 10 milioni di euro, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Prato, al termine dell’operazione "Rete pulita". L’operazione antipirateria ha svelato un nuovo sistema di diffusione di video scaricati direttamente anche sui computer dei clienti, violando la norma sul diritto d’autore e rendendo più ardua la scoperta degli illeciti.

Questo il quadro: dietro l’attività legale dichiarata di alcuni negozi cinesi adibiti alla vendita di computer e accessori per la telefonia i titolari avevano messo in atto un nuovo modo di fornire alla clientela film e file musicali in violazione della normativa sul diritto d’autore. Infatti, piuttosto che vendere illegalmente cd e dvd masterizzati, avevano organizzato un sistema imprenditoriale meno evidente, ma indubbiamente molto efficace: si facevano lasciare per qualche ora i personal computer dei clienti, sui quali, tramite un collegamento ai propri server, trasferivano direttamente intere gallerie filmografiche e musicali pirata.

L’attività, che ha impegnato complessivamente oltre 50 finanzieri per le perquisizioni, l’identificazione dei soggetti e l’esame del materiale sequestrato, è nata e si è sviluppata nella città di Prato, dove gli uomini delle Fiamme Gialle hanno sequestrato centinaia di computer e hard disk esterni all’interno dei quali erano contenuti oltre 50 mila gigabyte di materiale illegale, per oltre 2 milioni di file, che comprendevano sia film attualmente in circolazione nelle sale cinematografiche mondiali (prodotti da major quali Metro Goldwin Mayer, Universal, Sony, Columbia, Disney, Dreamworks), sia serie televisive, film vietati ai minori nonché album musicali degli artisti più quotati in ambito internazionale.

Dopo tali interventi, i finanzieri hanno cercato di risalire alle possibili fonti di acquisizione di tali filmati. E il percorso a ritroso ha portato dritto alla "rete": i militari hanno infatti perquisito 4 Internet Point, sulle cui postazioni – costituite complessivamente da oltre 200 computer – circolavano in condivisione film di tutti i generi, che venivano guardati direttamente in loco: ciascun cliente di fronte al proprio monitor, con cuffie e occhi fissi sullo schermo. Nel momento della perquisizione erano presenti negli internet point 200 persone, di cui molte minorenni, tutte identificate dai militari, che hanno poi fermato 13 clandestini, di cui 3 tratti in arresto, poiché non avevano ottemperato a precedenti decreti di espulsione.

I finanzieri hanno scoperto che erano finiti nella "rete" anche film ancora in sala, come l’ultimo James Bond "Quantum of Solace" o cartoni animati come "Madagascar", nonché un’infinità di altri film e serie tv, tutte tranquillamente di dominio comune dei clienti che, selezionando con un click la locandina d’interesse sullo schermo, accedevano in pochi istanti al video prescelto.

Grazie all’ausilio di personale della SIAE e delle principali associazioni di categoria impegnate nella tutela della proprietà intellettuale in ambito mondiale (BSA – Business Software Alliance per il settore del software, FAPAV – Federazione AntiPirateria Audio Visiva per il settore audiovisivo e FPM – Federazione contro la Pirateria Musicale per quello discografico nonché della Sony Pictures Home Entertainment per gli home video), nonché di tecnici informatici è stato anche possibile sequestrare software illegalmente installati sui computer ed individuare file e link nascosti e protetti sui server dei titolari degli esercizi, che una volta attivati permettevano la visione di film in streaming, ossia mediante un collegamento diretto a portali in lingua cinese che offrivano illegalmente il materiale.

Gli uomini delle Fiamme Gialle di Prato hanno, dunque, sequestrato tutti e 4 gli immobili sede degli internet point (ubicati nel "quadrilatero" cinese tra le vie Filzi e Pistoiese), unitamente alle centinaia di postazioni internet installate e 5.000 DVD contenenti film attualmente in programmazione nelle sale cinematografiche italiane e denunciato i 12 imprenditori titolari degli esercizi commerciali responsabili delle attività illecite.

 

Comments are closed.