ISTITUZIONI. Il milleproroghe è legge

La Camera ha approvato in via definitiva il decreto legge milleproroghe. Dopo aver votato la fiducia la scorsa settimana, l’Aula ha approvato definitivamente ieri sera il disegno di legge di conversione del decreto 30 dicembre 2008, n. 207, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni finanziarie urgenti, con 281 voti favorevoli, 248 contrari e due astenuti.

Fra le disposizioni del milleproroghe sono comprese lo slittamento di altri sei mesi dell’entrata in vigore della class action (dal primo gennaio 2009 al 30 giugno 2009); lo spostamento del termine per l’invio telematico da parte di commercialisti e Caf all’Agenzia delle Entrate delle dichiarazioni di Unico e Iva, dal 31 luglio al 30 settembre; il rinvio per l’emanazione del Testo Unico in materia di sicurezza sul lavoro, a 24 mesi per l’emanazione dei decreti attuativi. Si dispone inoltre che i fabbricati rurali non sono soggetti all’Ici. Fra le misure, anche quella sul marketing telefonico: i dati personali potranno essere usati a fini promozionali fino al 31 dicembre 2009 se presenti in banche dati costituite sulla base di elenchi telefonici firmati prima del primo agosto 2005.

Comments are closed.