ISTITUZIONI. Via libera della Camera al ddl contro atti persecutori

Via libera della Camera al disegno di legge che introduce il reato di stalking. La Camera ha infatti approvato quasi all’unanimità (379 voti a favore, due contrari e tre astenuti) il disegno di legge che introduce nel codice penale il nuovo reato di atti persecutori e molestie insistenti. Il reato è punito con una reclusione da sei mesi a quattro anni, con aggravanti di pena se il reato è commesso verso il coniuge anche separato o divorziato, il convivente o il fidanzato, minori, disabili e donne incinte. Il provvedimento passa ora all’esame del Senato.

Comments are closed.