ISTRUZIONE. Camera approva ddl. Il testo ora passa al Senato

L’assemblea ha approvato il disegno di legge concernente disposizioni urgenti in materia di pubblica istruzione (C2272 -ter). Il provvedimento, che passa ora all’esame del Senato, contiene diverse norme: si va dalla reintroduzione del tempo pieno nella scuola primaria alla onnicomprensività dei compensi per i componenti delle commissioni degli esami di Stato; dalla rimodulazione delle prove degli esami di scuola media alle misure per definire la stabilità dell’organico nelle scuole.

Viene poi istituita l’Agenzia nazionale per lo sviluppo dell’autonomia scolastica con sede a Firenze. Viene poi dato mandato al ministro della Pubblica istruzione di istituire un comitato tecnico per definire una serie di norme sul peso, il trasporto e l’uso dei libri di testo. Si approntano fondi per gli asili nido e si sancisce l’esenzione delle scuole dal pagamento della Tarsu (la tassa sullo smaltimento dei rifiuti urbani) e dell’Iva per le spese di funzionamento. Novità, infine, arrivano anche per il riconoscimento dei titoli di studio stranieri conseguiti in Paesi extra-Ue: sarà tra l’altro necessario sostenere una prova integrativa di lingua e cultura italiana relativa al livello del titolo equipollente in Italia.

LINK: Camera dei Deputati

Comments are closed.