ISTRUZIONE. Gli Studenti di Napoli sul caso Daria: “Il provvedimento riguarda solo presidi spia”

L’Unione degli studenti di Napoli si è inserita nella vicenda di Daria, la studentessa ucraina che, priva del codice fiscale, rischia di non poter sostenere gli esami di maturità presso il liceo linguistico. "Questo caso l’abbiamo già risolto – rende noto l’Unione degli studenti di Napoli – siamo continuamente in contatto con Daria; la studentessa del caso in questione e riuscirà a sostenere l’esame nonostante abbia deciso di vivere in un paese che si avvia verso la dittatura".

L’Unione degli studenti di Napoli ha "spulciato, con l’aiuto di alcuni avvocati volontari, un po’ di normative ed è giunta alla conclusione che questo provvedimento riguarda soltanto i cosiddetti presidi spia che decidono di fare questo tipo di controlli nelle scuole".

"Nel caso di Daria – aggiungono gli studenti – il preside è dalla sua parte, e quindi non ha scelto di controllare i documenti di ognuno, ritenendo Daria tra l’altro, una delle migliori studentesse, che nonostante non spiaccicasse una sola parola italiana quando si è iscritta a scuola, è arrivata a brillanti risultati ed il prossimo anno vorrebbe frequentare scienze politiche."

Comments are closed.