Italia a Tavola: aumentano controlli e sequestri

Cosa bolle in pentola? Salsiccia avariata al sapor di botulino, mozzarella di bufala alla diossina o finta chianina? C’è l’imbarazzo della scelta leggendo la quinta edizione del Rapporto Italia a Tavola presentato questa mattina dal Movimento Difesa del Cittadino e da Legambiente. Cattive e buone notizie. Se è vero che anche quest’anno non sono mancati casi eclatanti è pur vero che l’attività di controllo svolta dagli organi preposti è in costante aumento. Il Rapporto, infatti, contiene un’analisi dettagliata dei risultati dell’attività ispettiva dei Nas, del Corpo Forestale dello Stato, dell’ Istituto Controllo Qualità del ministero delle Politiche Agricole e della Guardia Costiera.

I controlli in breve

Irregolare etichettatura di partite di olio extravergine di oliva per illecito riferimento a denominazioni di origine; usurpazione, imitazione o evocazione di una denominazione protetta o del segno distintivo o del marchio nella designazione e presentazione di formaggi, sementi di mais risultate positive alla presenza di Ogm, irregolare etichettatura e presentazione di vini, sia comuni che di qualità registrata: dalla relazione annuale dell’attività svolta dall’Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari risultano 39.500 ispezioni effettuate e oltre 29.500 operatori controllati nel corso dell’anno. Complessivamente sono stati controllati circa 92.000 prodotti e analizzati 11.000 campioni di cui il 9% sono risultati irregolari. La ripartizione delle attività di controllo eseguite vede tra i prodotti più controllati quelli del settore vitivinicolo, olii e grassi, lattiero caseario e ortofrutta. Inoltre, l’Ispettorato ha elevato circa 4.700 contestazioni amministrative, eseguendo 733 sequestri per un valore economico di circa 22,7 milioni di euro e inoltrando 478 notizie di reato all’Autorità Giudiziaria competente.

Oltre 1200 controlli, di cui 298 nel settore zootecnico, 125 in quello dell’agricoltura biologica e 51 relativi al settore degli organismi geneticamente modificati e 144 sanzioni amministrative per un ammontare di quasi 30.500.000 di euro. È questa invece la traduzione in numeri dell’attività di controllo e di verifica della qualità dei prodotti agricoli svolta dal Corpo forestale dello Stato (CFS) lo scorso anno.

Presenza di micotossine, salmonella e additivi e coloranti fuori le norme di legge. Queste le irregolarità principali evidenziate dal Rapporto sull’attività del sistema di allerta per alimenti e mangimi nell’anno 2007 redatto dal Dipartimento per la Sanità pubblica veterinaria, la Nutrizione e la Sicurezza degli alimenti del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, attraverso le 2.933 notifiche pervenute dalla Commissione Europea, dagli uffici periferici e dagli Assessorati alla Sanità delle regioni.

Circa 30 le tonnellate di prodotti ittici sequestrate con etichette false riguardo l’origine, 200 chili di pesce azzurro congelato trasportato senza il rispetto delle norme della catena del freddo e 900 chili di mitili dichiarati a rischio per la salute pubblica. E ancora: pesce scongelato e venduto come fresco, prodotti venduti senza il rispetto delle minime norme igieniche: a contatto con la polvere e con i gas di scarico dei veicoli in transito. Ecco alcuni degli esiti delle operazioni svolte nel corso del 2007 dalla Guardia Costiera attraverso i 50.500 controlli in mare e circa 250.200 ispezioni a terra, ovvero ai punti di sbarco, nelle pescherie o presso le attività commerciali.

Durante la presentazione del Rapporto sono stati premiati anche 9 esempi di buone pratiche: storie di chi nel nostro Pese si è contraddistinto per aver incoraggiato l’uso del biologico a scuola, per aver tutelato le tipicità locali o per aver saputo coniugare sicurezza e qualità alimentare con la sostenibilità ambientale.

Ricevono il PREMIO ITALIA A TAVOLA:

"Gestione sostenibile della mensa scolastica – Comune di Campolongo Maggiore (VE)" segnalato da Aiab

 "Consorzio per la mensa bio" segnalato da Aiab
 "Mensa biologica per cinque comuni dell’ULSS n°4 "Alto Vicentino" di Thiene" segnalato da Aiab
 "Prodotti tipici e biologici nei menù delle mense universitarie di Firenze" segnalato da Aiab
 "Farmers market e vendita diretta" segnalato da Coldiretti
 "Milk Slot Machines" segnalato da Coldiretti
 "Menù a km zero" segnalato da Coldiretti
 "Bollino blu della Ristorazione" segnalato da Fipe
 "Ristorante Tipico" segnalato da Fipe

 

Comments are closed.