LAVORO. Eurostat: ad aprile 2008 disoccupazione stabile nell’area euro a 7,1% e nell’Ue27 a 6,7%

La disoccupazione dell’area euro si è stabilizzata al 7,1% nel mese di aprile 2008, invariato rispetto a marzo e in calo rispetto al 7,5% di aprile 2007. Anche nell’Ue27 il valore resta stabile rispetto a marzo 2008: 6,7%, cioè mezzo punto percentuale in meno rispetto ad aprile 2007. Lo ha reso noto oggi l’Eurostat. Sono oltre 16 milioni, tra uomini e donne, che ad aprile 2008 sono stati disoccupati nei 27 Stati membri; 1,1 milione in meno rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il tasso di disoccupazione più basso è stato registrato in Danimarca (2,7%) e nei Paesi Bassi (2,8%)mentre il più elevato in Slovacchia (10%) e in Spagna (9,6%).

Le diminuzioni più forti si sono osservate in Polonia (da 10,1% a 7,7%), in Bulgaria (da 7,3% a 5,3%) e in Slovacchia (da 11,4% a 10%); gli aumenti più pesanti in Spagna (da 8,1% a 9,6%) e in Irlanda (da 4,6% a 5,7%). L’Italia ad aprile 2008 ha registrato il valore di 6,1%. Il tasso di disoccupazione giovanile (minori di 25 anni) si è attestato al 15% nell’area euro e al 14,8% nell’Ue27. Nell’ultimo trimestre del 2007 l’Italia ha registrato un valore di 21,8%. Ad aprile 2008 il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti è stato del 5%.

Comments are closed.