LAVORO. Morti bianche, presentata la Carovana di sensibilizzazione per la sicurezza sul lavoro

Presentata oggi a Roma, presso la sala stampa della Camera dei Deputati, la Carovana per il lavoro sicuro, l’iniziativa organizzata da Articolo 21, insieme a sindacati, associazioni e movimenti e coordinata da Cesare Damiano. Obiettivo del viaggio? Sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della sicurezza sul lavoro e ridurre il numero degli infortuni, invalidi e morti che, anche quest’anno, hanno toccato cifre record. Nelle aziende, ogni giorno, avvengono incidenti e infortuni mortali e il lavoro provoca malattie professionali.

Nel 2006, secondo i dati dell’INAIL, sono morte sul lavoro 1341 persone. Nel 2007 ne sono morte 1210, con una diminuzione di quasi il 10%. Nonostante questo miglioramento, anche frutto della lotta al lavoro nero, alla precarietà e grazie alle nuove norme contenute nel Testo Unico su "Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro", voluto dal Governo Prodi , si stenta a raggiungere gli obiettivi di abbattimento del rischio, fissati dall’Europa. Le richieste dei partecipanti alla carovana sono di non abbassare la guardia nella lotta contro il lavoro nero e la precarietà; attuare la delega sui lavori usuranti entro il 31 dicembre 2008; applicare e migliorare le norme contenute nel protocollo sul Welfare del 23 luglio 2007 e nel Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Ma importantissima è anche la promozione di una campagna mediatica per una cultura della prevenzione; il tema del lavoro e dell’integrità psicofisica delle persone stenta ad affermarsi nel dibattito politico e sociale, nel mondo della comunicazione e della cultura. Vengono enfatizzati i casi più eclatanti, ma si dimentica la realtà quotidiana, quando questa è lontana dai riflettori. La carovana porterà questo tema all’interno del mondo del cinema, passando per la Mostra di Venezia, del teatro, della musica e del giornalismo italiano, toccando i luoghi della memoria: da Campello sul Clitumno a Torino, da Marghera a Mineo, luoghi simbolo dei martiri del lavoro.

Per maggiori informazioni cliccare qui

Comments are closed.