LIBERALIZZAZIONI. Carburanti, Antitrust: “Orari più flessibili per tutti distributori”

In una segnalazione inviate al Governo, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha formulato alcune osservazioni in merito ad alcune disposizioni contenute nel disegno di Legge AC 2272-bis "Misure per il cittadino consumatore e per agevolare le attività produttive e commerciali, nonché interventi in settori di rilevanza nazionale", attualmente all’esame della X Commissione Attività produttive della Camera dei Deputati. Tra le disposizioni sotto osservazione dell’Authority assume rilievo quella relativa alla distribuzione dei carburanti.

L’Autorità ritiene, infatti, che la prevista eliminazione di restrizioni quantitative all’accesso al mercato, di vincoli all’abbinamento di prodotti oil e non-oil, nonché dei vincoli in tema di orari possano portare ad un’evoluzione in senso maggiormente concorrenziale dell’attività di vendita di carburanti per autotrazione. In questa prospettiva, l’Autorità rileva che nel medesimo comma 1 è stata prevista la possibilità di prolungare gli orari di apertura degli impianti di distribuzione di carburanti solamente nei casi in cui essi siano abbinati ad esercizi di vendita di altri prodotti e servizi. Si ritiene che tale previsione, ancorché favorisca una maggiore flessibilità di orari per una parte del mercato rispetto alla situazione esistente, conduca ad una disparità di trattamento fra impianti di distribuzione e non sia sufficiente a garantire una maggiore concorrenza sul prezzo ed un ammodernamento della rete di distribuzione. L’Autorità auspica pertanto che si
colga l’occasione della modifica normativa in corso per adottare una disciplina che attribuisca a tutti gli impianti di distribuzione una maggiore libertà e flessibilità negli orari di apertura al pubblico, in linea con le reali esigenze dei consumatori.

Comments are closed.