LIBERALIZZAZIONI. CdM, Federconsumatori e Adusbef: Governo ci sorprenda

E’ in corso il Consiglio dei Ministri con all’ordine del giorno il disegno di legge costituzionale recante "Modifiche agli articoli 41, 97 e 118, comma quarto, della Costituzione" e due provvedimenti contenenti "Misure per il rilancio dell’economia". "Dopo anni di tagli e di manovre ingiuste e sbagliate, che hanno determinato un progressivo tracollo delle condizioni di vita delle famiglie, ci sarebbe proprio bisogno di una bella sorpresa da parte del Consiglio dei Ministri di domani" – dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef.

"Come denunciamo da anni, infatti, i dati ed i parametri economici parlano chiaro: contrazione dei consumi (complessivamente del -6% negli ultimi 3 anni, del -12% a Natale e, secondo le prime stime a consuntivo, del -9 / -11% per le vendite a saldo), crollo del potere di acquisto delle famiglie del -9,6% dal 2007 ad oggi, crescita di cassa integrazione (oltre 1,2 miliardi di ore) e dell’inoccupazione (11%), per non parlare delle striminzite e poco incoraggianti prospettive sul Pil 2011 e 2012 (dallo 0,9 all’1%)" aggiungono i Presidenti.

Una situazione che, come è evidente – concludono Trefiletti e Lannutti – richiede degli interventi immediati, per far sì che la nostra economia si rimetta in moto, trascinando il Paese fuori dalla crisi. Ci auguriamo, allora, che il Governo ci sorprenda, intervenendo finalmente almeno su due versanti che riteniamo indispensabili per imprimere una svolta a questa situazione:

  • Il rilancio degli investimenti per la ricerca e lo sviluppo tecnologico, indispensabile per l’occupazione e per la competitività sul piano internazionale;
  • La ripresa della domanda di mercato, sostenuta da una congrua manovra di detassazione per le famiglie a reddito fisso di almeno 1.200 Euro annui.

 

Comments are closed.