LIBERALIZZAZIONI. Concorrenza nei trasporti, ipotesi di alleanza Confservizi-Assoutenti

Migliorare i livelli di concorrenza nell’ambito dei servizi. E’ questo l’obiettivo di "La concorrenza nei trasporti – Le liberalizzazioni difficili", la conferenza organizzata da Assoutenti che si è svolta ieri presso la Camera dei Deputati a Roma e che ha posto le basi per un’alleanza tra Confservizi e Assoutenti. L’iniziativa fa parte del progetto "più concorrenza + diritti" promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico. Lo riferisce in un comunicato l’Associazione dei consumatori.

Assoutenti, attraverso il suo presidente Mario Finzi, ha richiamato l’attenzione sulla "trasparenza nei processi decisionali" e sulla "risoluzione dei conflitti di interesse fra controllori e controllati nelle aziende municipalizzate e statali, mediante la costituzione di enti autonomi per monitorare l’esecuzione dei servizi previsti dai contratti di servizio".

E’ necessario "stipulare contratti di concessione e di servizio attraverso iter rigorosi e gare competitive con regole e condizioni chiare in modo da evitare assegnazioni o esclusioni ad personam". Così Finzi che ha anche sottolineato l’esigenza di "contratti di programma e di servizio a misura del consumatore, di una rigorosa misurazione della qualità, un maggior potere sanzionatorio e di controllo da parte dell’Autorità antitrust e delle altre Autorità di regolazione e infine un meccanismo di price cap con coefficienti incentivanti".

Un modello di "governance concertata che poggerebbe su un triangolo azienda-proprietà-consumatori, in cui questi ultimi avrebbero un ruolo decisivo nel monitoraggio della qualità dei servizi". E’ stata questa la risposta delle aziende Trasporto Pubblico Locale (Tpl) al dibattito sulla concorrenza nei trasporti attraverso la voce del Presidente di Confservizi Raffaele Morese. In questo modello di gestione delle aziende TPL, secondo Morese, ai consumatori spetterebbe anche la "negoziazione delle quote di socialità da garantire tramite finanziamento locale, pur in una logica di equilibrio costi/ricavi".

"E’ importante – ha detto il presidente di Confservizi – l’alleanza tra consumatori e aziende, anche con l’obiettivo di sollecitare alle amministrazioni locali interventi ambientali che contribuiscano all’efficienza dei servizi, ad esempio l’aumento della corsie preferenziali per i mezzi pubblici". Il presidente di Assoutenti ha accolto favorevolmente le proposte di Raffaele Morese.

Comments are closed.