LIBERALIZZAZIONI. Ddl, Camera vota art. 1 su benzinai. Confermato blocco a giugno

La Camera ha votato l’articolo 1 del disegno di legge sulle liberalizzazioni, che contiene anche le norme sui benzinai. Il relatore al provvedimento Andrea Lulli (Ulivo) si è, invece, riservato di riformulare l’emendamento aggiuntivo al primo articolo, quello che riguarda le accise sui carburanti. Del testo votato alla Camera, le organizzazioni dei gestori criticano il fatto che le Regioni potranno adeguare le loro politiche di orari: si tratta, secondo i benzinai, di una forzatura perché le Regioni godono già di un’ampia autonomia, in virtù delle modifiche apportate a suo tempo al titolo V della Costituzione".

A legge approvata, i gestori degli impianti non escludono un ricorso alla Corte Costituzionale. Intanto, è stata confermata la chiusura degli impianti per il 6, il 7 e l’8 giugno, essendosi concluso negativamente l’incontro, convocato questa mattina al ministero dello Sviluppo economico, per discutere i nodi della liberalizzazione e tentare di evitare il fermo. "I margini di trattativa si sono rivelati inconsistenti – ha detto il Vice presidente vicario di Faib – Confesercenti, Sergio Proietti Barsanti – al tavolo è mancata l’apertura necessaria per l’accordo. In particolare, colpisce l’insensibilità del Ministro Bersani che, di fronte a uno sciopero destinato a recare disagi a milioni di cittadini e a oltre 100.000 addetti della distribuzione carburanti, non ha sentito la necessità di riceverci per ascoltare le nostre proposte, mentre con la stampa parla di disponibilità a discutere".

Secondo il Codacons si tratta di uno sciopero assurdo: "A pagare le spese della protesta – si legge in una nota dell’associazione – saranno come sempre gli utenti, in ostaggio dalle varie categorie che si oppongono al Decreto Bersani e non vogliono un incremento della concorrenza". Il Codacons annuncia azioni di ritorsione contro i gestori, a cominciare da un boicottaggio nazionale dei distributori da mettere in campo su tutto il territorio dopo l’attuazione dei tre giorni di sciopero da parte dei benzinai.

Comments are closed.