LIBERALIZZAZIONI. Domani farmacie in sciopero. Contrarie le associazioni di consumatori

Domani scioperano, per la seconda volta, le farmacie. L‘incontro di ieri tra Federfarma e il Ministero per lo Sviluppo Economico, infatti, non ha prodotto alcun accordo ma ha provocato una reazione forte da parte dei farmacisti che domani insceneranno un sit-it davanti a piazza Barberini con cartelli e slogan contro il decreto.

Dure le critiche delle associazioni. Adiconsum invita "il Governo a non cedere ai ricatti e se necessario a proseguire con la fiducia" e "i consumatori a rivolgersi alle farmacie comunali che non aderiscono allo sciopero". Il Codacons, invece, ricorda che la Commissione di Garanzia ha già richiamato la categoria per non aver rispettato i termini di presentazione della notifica dello sciopero. Per questo l’associazione chiede di multare ogni farmacista che domani terra’ le serrande chiuse e di far pagare un’ammenda di un milione di euro a Federfarma.

Comments are closed.