LIBERALIZZAZIONI. Farmaci, il 18 settembre la manifestazione

Una manifestazione per promuovere la liberalizzazione della società italiana e approvare il d.d.l. Bersani "permettendo la dispensazione di farmaci con obbligo di ricetta, alla presenza del farmacista, anche in esercizi diversi dalle farmacie": è quanto chiedono Movimento Nazionale Liberi Farmacisti (MNLF), Federazione Esercizi Farmaceutici (FEF), Associazione Nazionale Parafarmacie Italiane (ANPI) e Federazione Italiana Esercizi Farmaceutici (FIEF) che hanno organizzato la "Manifestazione per la libertà".

L’iniziativa si svolgerà a Roma il prossimo 18 settembre. "L’Italia – scrivono gli organizzatori – ha bisogno di una reale svolta liberale e riformatrice. Svolta già chiesta dalla Commissione Europea, dall’Antitrust, dal Fondo Monetario Internazionale e dalle Associazioni dei consumatori ed ispirata alla strategia di Lisbona che permetta all’Italia di competere ad armi pari sugli scenari internazionali. Richiediamo una riforma che rispetti il diritto del consumatore di scegliere in piena autonomia e libertà il professionista idoneo alle proprie necessità e problematiche. Vi chiediamo di aprire il mercato dei servizi professionali alla meritocrazia senza reintrodurre surrettiziamente contrappesi corporativi e di superare i blocchi corporativi che impediscono le riforme degli ordini professionali, dei servizi pubblici locali e della class action". Con la manifestazione gli organizzatori chiedono dunque di "promuovere la liberalizzazione della società italiana", di "varare una vera riforma liberale delle professioni" e "approvare senza modifiche il d.d.l. Bersani 1644 permettendo la dispensazione di farmaci con obbligo di ricetta, alla presenza del farmacista, anche in esercizi diversi dalle farmacie permettendo la possibilità di sconti anche per i farmaci di fascia C con obbligo di ricetta". Durante la manifestazione sarà annunciata una raccolta di firme per un referendum abrogativo della Pianta Organica e per l’abolizione del prezzo fisso dei farmaci a totale carico dei cittadini. Alla manifestazione hanno aderito Movimento Difesa del Cittadino, Federconsumatori, Adusbef, Codacons e Associazione Professionisti Laureati Europei.

Comments are closed.