LIBERALIZZAZIONI. Liberi Farmacisti contro l’emendamento “vergogna” che abroga la legge Bersani

"Volgare nel metodo ed indecente nel contenuto", così il Movimento Nazionale Liberi Farmacisti e la Federazione Esercizi Farmaceutici definiscono, in una nota comune, l’emendamento presentato dal Sen. Filippo Saltamartini (Pdl) al disegno di legge delega in materia di lavori usuranti e lavoro sommerso (ddl S1167).

"L’emendamento – si legge nella nota – introdotto in un disegno di legge che tratta materia completamente diversa, si propone di bloccare la vendita di farmaci d’automedicazione fuori dalle farmacie ed intima la chiusura, entro dieci anni, degli esercizi aperti (parafarmacie)".

Secondo MNLF e FEF questo emendamento prevede "sostanzialmente l’abrogazione della legge Bersani". Le organizzazioni denunciano che "la chiusura di circa 3000 aziende e la perdita di 5000 posti di lavoro, in una congiuntura economica durissima non hanno alcun peso rispetto al desiderio di dare una spallata alle uniche liberalizzazioni avvenute in questo Paese negli ultimi anni".

"Nei prossimi giorni – annunciano MNLF e FEF – al Presidente della Repubblica sarà posto un quesito di legittimità costituzionale (art.li 3 e 41) e gli sarà chiesto d’intervenire rispetto alla pratica dei disegni di legge "omnibus" dove, progetti di legge specifici vengono trasformati e stravolti da emendamenti avulsi dal tema trattato".

"E’ in atto – concludono FEF e MNLF – un tentativo concentrico di cancellare l’esperienza delle parafarmacie, quest’emendamento cerca di superare, attraverso la sorpresa, le difficoltà incontrate dal disegno di legge Gasparri/Tomassini che si propone, tra l’altro, la vendita di alcuni medicinali senza la presenza del farmacista".

Il 92% dei farmacisti è contrario a quest’ipotesi, mentre il 91% ritiene che l’attuale sistema legislativo che regola l’apertura delle farmacie debba essere modificato; lo rivela un recente sondaggio, che sarà presentato questo fine settimana a Bologna all’interno del salone espositivo di Cosmofarma.

Comments are closed.