LIBERALIZZAZIONI. MNLF in piazza, il sostegno dei Consumatori

I liberi farmacisti domenica "alzeranno la testa" in difesa delle liberalizzazioni. La protesta ha il pieno appoggio dei Consumatori, come ribadito oggi dal Movimento Difesa del Cittadino e da Federconsumatori: "Qualsiasi passo indietro – commentano le due associazioni – è un danno per cittadini e lavoratori".

"Condividiamo pienamente le ragioni della mobilitazione del Movimento Nazionale Liberi Farmacisti, dell’Associazione Nazionale Parafarmacie Italiane e della Federazione Esercizi Farmaceutici che il 18 aprile manifesteranno a Montecitorio a Roma (alle ore 11:00) in difesa delle liberalizzazioni, contro il tentativo di affossamento da parte di lobby e corporazioni. Quello dei farmaci – spiegano Antonio Longo, Presidente del Movimento Difesa del Cittadino e Rita Battaglia, Vice Presidente Federconsumatori – è un mercato ancora dominato da corporativismi e monopoli. In questi anni, abbiamo assistito a continui attacchi da parte di chi ha il solo obiettivo di mantenere i privilegi acquisiti e chiudere il mercato a qualsiasi forma di liberalizzazione". Invece, sottolineano le associazioni, con i provvedimenti dell’allora ministro Bersani nel 2006 si era aperta una "nuova stagione": la liberalizzazione della vendita dei farmaci da banco in parafarmacie e corner della GDO ha portato risparmi per le famiglie, pari a oltre 600 milioni di euro l’anno, e occupazione per i giovani farmacisti. Sono stati creati infatti oltre 6500 nuovi posti di lavoro.

Il risparmio di 600 milioni di euro l’anno "con l’estensione della liberalizzazione ai farmaci a pagamento, quelli non mutuabili, potrebbe arrivare a circa un miliardo di euro l’anno". "E’ per questo – spiega il presidente dell’Anpi-Confesercenti. l’associazione nazionale parafarmacie italiane, Paolo Spolaore – per rivendicare una legislazione del settore, in grado di valorizzare la professionalità e l’imprenditorialità del farmacista e soprattutto per difendere le liberalizzazioni come conquista di emancipazione economica e sociale, che abbiamo deciso di scendere in piazza. Insieme alla federazione esercizi farmaceutici ed al movimento nazionale liberi farmacisti, abbiamo organizzato la manifestazione che si svolgerà domenica 18 aprile a Roma in Piazza Montecitorio alle ore 11.00." Ai temi della manifestazione hanno dato il loro assenso il presidente dell’Antitrust Catricalà, la senatrice Ghedini, il senatore Belisario e le associazione dei consumatori.

"Dal 2007 ad oggi – sottolinea Spolaore – le parafarmacie presenti sul territorio nazionale sono passate da 1.892 a 3.700 e gli occupati da 4.160 a 8.200 con un contributo quindi significativo sia da un punto di vista economico, sia occupazionale. Svolgendo peraltro un’azione di contenimento dei prezzi di molti prodotti farmaceutici che ha consentito di garantire alla clientela sconti medi del 12% rispetto al 7% praticato nelle farmacie tradizionali".

Comments are closed.