LIBERALIZZAZIONI. Mercato derivati energetici, Adiconsum scrive a Governo

Via libera alle liberalizzazioni dei prodotti derivati sull’energia elettrica. Dopo l’approvazione da parte di Palazzo Chigi dello schema di decreto legislativo che recepisce la direttiva Mifid, Adiconsum accoglie favorevolmente l’intenzione di assegnare a Consob ed Autorità dell’energia il compito di sorveglianza del costituendo mercato. Ma, secondo l’associazione, occorre fare attenzione alle possibili speculazioni dei prezzi ai danni dei consumatori. A questo proposito il Segretario Generale Paolo Landi ha deciso di inviare una lettera ai Ministri dell’Economia e delle Finanze, Tommaso Padoa Schioppa, e dello Sviluppo Economico, Pierluigi Bersani, e ai Presidenti dell’Autorità per l’energia Alessandro Ortis e della Consob, Lamberto Cardia.

"Segnaliamo la nostra forte preoccupazione – afferma Landi – in ordine all’imminente avvio di un mercato di strumenti finanziari derivati sull’energia elettrica, in particolar modo sulle ripercussioni che tale mercato potrà eventualmente produrre sugli utenti finali". E’ giusto, sostiene l’associazione, affidare alla Consob e all’Autorità dell’energia il ruolo di controllo del mercato. "Adiconsum tuttavia – prosegue il Segretario Generale dell’associazione – richiama l’attenzione delle Istituzioni sulla definizione puntuale delle modalità di controllo che dovranno svolgere AEEG e CONSOB sulle attività e sui comportamenti posti in essere dagli operatori finanziari sul costituendo mercato. Ciò al fine di scongiurare situazioni speculative che potrebbero influenzare il comportamento dei prezzi e conseguentemente il costo dell’energia elettrica nel nostro Paese, già più cara degli altri Paesi europei". "Il richiamo dell’attenzione delle Autorità – conclude Adiconsum – è necessario allo scopo di evitare di tradurre un esempio di positiva liberalizzazione dei mercati in un risultato che potrebbe essere fortemente penalizzante per le famiglie e per i piccoli consumatori elettrici".

Comments are closed.