LIBERALIZZAZIONI. Ricariche, Tabaccai di nuovo sul piede di guerra contro i gestori

"Inaccettabile il taglio degli aggi ai tabaccai sulle ricariche telefoniche già attuato dai principali gestori". Lo ribadisce Leonardo Noli, presidente dell’Assotabaccai, che ha definito "scandaloso" che i gestori della telefonia mobile "scarichino sui tabaccai il taglio ai costi delle ricariche" disposto dal recente Decreto Bersani. "I tabaccai – denuncia Noli – non possono essere esattori dei gestori telefonici praticamente a costo zero e con gravi rischi sul fronte della sicurezza per le sempre più frequenti rapine e aggressioni criminali".

Così la categoria dei tabaccai minacce nuove iniziative nei prossimi giorni per l’astensionedalla vendita delle ricariche telefoniche, se i gestori non si dimostreranno disponibili a trovare un accordo. Il presidente dell’Assotabaccai fa di nuovo presente al ministro Pierluigi Bersani come il provvedimento disposto nei confronti dei gestori telefonici stia producendo soltanto effetti negativi a danno della rete di vendita. "L’unico vero effetto fino a ora prodotto dal Decreto Bersani – ha concluso Noli – è dunque quello di penalizzare tabaccai e rivendite, gli unici a garantire un servizio capillare ed insostituibile per i cittadini".

Comments are closed.