LIBERALIZZAZIONI. Roma, revocato lo sciopero taxi. Soddisfatta l’Adoc

I taxi della capitale hanno revocato lo sciopero indetto per oggi 18 ottobre a seguito della disponibilità dimostrata dal prefetto di Roma Carlo Mosca a organizzare un incontro con il sindaco Walter Veltroni. L’Adoc apprezza la decisione che dimostra "senso di responsabilità – commenta il Presidente dell’Adoc Carlo Pileri – Ora è fondamentale che nella riunione del 24 ottobre vengano presi in considerazione anche gli interessi dei consumatori, a cui deve essere garantito un servizio di qualità, attualmente al di sotto degli standard europei. Lamentiamo ritardi gravi alla fermata e al callcenter, dagli 8 ai 45 minuti nei giorni di pioggia, e il costo elevato delle corse in centro, 12 euro di media".

"Non riteniamo giusto l’aumento delle tariffe – continua Pileri – Crediamo sia necessario applicare le liberalizzazioni previste dal decreto Bersani, finora disattese. Sono necessarie più corsie preferenziali, che garantirebbero minori costi e maggiore velocità, permettendo anche maggiori possibilità di guadagno ai tassisti. Deve esserci una diminuzione del 15% delle tariffe per gli aeroporti, una tariffa unica dentro e fuori il raccordo fino agli aeroporti, devono essere rilasciate più licenze, in quanto il numero di vetture in servizio non è sufficiente. Inoltre è necessario che sia garantita al cittadino una tariffa certa, unica e semplificata".

Comments are closed.