MINORI. Ferisce alunno, licenziata maestra elementare. Ministro Fioroni: “Tolleranza zero”

Grave episodio presso una scuola elementare di Milano. Il 20 febbraio scorso un’insegnante di sostegno ha ferito alla lingua un bambino di 7 anni, causandogli una lesione guaribile in dieci giorni. L’insegnante avrebbe usato un paio di forbici contro il bambino, il quale per il trauma subito non è più voluto tornare a scuola. Immediata la risposta dell’istituto scolastico, che ha deciso la sospensione cautelare della maestra. Ma ancor più drastica la reazione del Ministero della Pubblica Istruzione, con l’avvio della procedura di licenziamento in tronco disposta dal ministro Giuseppe Fioroni.

"Di fronte a comportamenti di tale gravità – ha commentato il ministro Fioroni – è solo una la risposta possibile: tolleranza zero. Le centinaia di migliaia di insegnanti seri della scuola italiana non meritano di essere screditati da pochi irresponsabili". Con le nuove norme disciplinari contenute nella circolare inviata dal ministro Giuseppe Fioroni il 19 dicembre scorso, si stabilisce tra l’altro che la competenza di questi provvedimenti, per evitare lungaggini burocratiche e consentire azioni tempestive, passi direttamente dal ministero ai Direttori regionali.

La madre del piccolo ha intanto presentato denuncia per lesioni contro l’insegnante ed ha intrapreso una causa contro la scuola per ottenere il risarcimento dei danni morali e materiali. "Siamo tutti increduli – commenta il legale della famiglia Avv.Piero Porciani -. E’ vergognoso pensare che a insegnare siano mandate persone non monitorate dai vertici scolastici. La ragazza era al primo anno di insegnamento, un bel biglietto da visita".

 

 

Comments are closed.