MINORI. Film di Mel Gibson “Apocalypto”: Tar Lazio impone divieto provvisorio a under 14

La seconda sezione del Tar del Lazio (Presidente Italo Riggio) ha accolto il ricorso del Codacons di vietare provvisoriamente ai minori di 14 anni il film di Mel Gibson ‘Apocalypto’.
Il presidente nel suo decreto ha fatto riferimento alla memoria presentata dal Codacons "nella quale si ribadisce – si legge nel provvedimento – con ulteriori specificazioni che il film ‘Apocalypto’ contiene numerose scene di estrema violenza che si susseguono incessantemente per tutta la durata dello spettacolo, non adatte ad un pubblico di minori".

Ragione per la quale, ritenendo sussistenti i "presupposti dell’ estrema gravità ed urgenza" il presidente ha ritenuto che "al pregiudizio lamentato può ovviarsi inibendo la visione del film sopra citato ai minori di 14 anni". Tutto ciò, comunque, fino alla discussione della vicenda in camera di consiglio, già fissata al prossimo 17 gennaio 2007.

Lucia Moreschi, responsabile del Dipartimento Junior del Movimento Difesa del Cittadino, pur apprezzando l’attenzione alla tutela dei minori dimostrata dal presidente Riggio, ritiene comunque che sarebbe eccessivo estendere oltre ai 14 anni tale divieto e si augura che "questa azione non contribuisca a creare intorno al film un fenomeno mediatico che alla fine andrà a sollecitare l’interesse di un pubblico di adolescenti che, diversamente, non si sarebbe recato a vederlo".

"Senza dubbio – conclude Lucia Moreschi – ci stupisce che questo film, che ricorre alla violenza per descrivere un’epoca storica brutale, abbia suscitato tanta attenzione nel nostro paese, dove in prima serata, in fascia protetta, vengono abitualmente proposti telefilm in cui non si risparmiano né sangue, né scene di estrema violenza".

Comments are closed.