MINORI. Giù le Mani dai Bambini denuncia: in arrivo nuovo psicofarmaco per minori

La somministrazione di psicofarmaci ai bambini, spesso, è una questione più legata a ragioni economiche piuttosto che di salute pubblica. Da anni "Giù le Mani dai Bambini", il più rappresentativo comitato italiano per la farmacovigilanza pediatrica, promuove l’omonima campagna di sensibilizzazione sui rischi della somministrazione di psicofarmaci ai minori.

"Giù le Mani dai Bambini" lancia un allarme: una notissima agenzia di relazioni pubbliche sta collaborando con una multinazionale farmaceutica che vuole introdurre un nuovo psicofarmaco per bambini distratti e iperattivi in Italia. Si tratta della Guanfacina, un vecchio antiipertensivo che ora si vuole riciclare per "curare" la disattenzione dei bambini.

L’episodio, denunciato dal portavoce della Campagna, Luca Poma, è increscioso sia per il contenuto sia per la forma: l’agenzia di relazioni pubbliche avrebbe, infatti, proposto una collaborazione a Poma, manifestando un tentativo"occulto" di comprare il consenso. La notizia è già stata oggetto di un’interrogazione urgente al Ministro della Salute da parte dell’ON. Binetti, che è anche psichiatra, e che denota come di un ulteriore farmaco psicoattivo, per curare disagi del comportamento dei bambini, proprio non si sente la mancanza.

Condanna per l’episodio arriva dal Forum Nazionale Giovani, il cui portavoce Antonio De Napoli dichiara: "Noi giovani italiani non possiamo accettare che ancora oggi in Italia si proceda con azioni di lobby spregiudicate o perlomeno discutibili, soprattutto su argomenti così delicati come la salute dei più deboli e indifesi: i bambini!" "Attendiamo con curiosità la risposta del Ministro Fazio all’interrogazione dell’On. Binetti – ha proseguito De Napoli – soprattutto per quanto riguarda la paventata riduzione di fondi destinati al registro ADHD, utile strumento di monitoraggio e di prevenzione di abusi nella somministrazione di psicofarmaci, perché riteniamo che nonostante le difficoltà economiche in cui versa il nostro paese, la tutela della salute dei bambini sia un valore imprescindibile."

Comments are closed.