MINORI. Il gioco UNHCR sulla condizione dei rifugiati aderisce al Pegi Online

"Against All Odds" è un videogioco realizzato dall’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e permette agli studenti di sperimentare le situazioni quotidianamente vissute dai rifugiati. L’UNHCR ha aderito volontariamente al Pegi Online, il sistema di classificazione dei videogiochi per scelte d’acquisto consapevoli, per la pubblicazione del videogioco, che ha l’obiettivo di sensibilizzare i giovani ai problemi e alle discriminazioni affrontato dai rifugiati. È quanto ha reso noto oggi l’Isfe (Interactive Federation of Europe), che ha annunciato la registrazione del videogioco, cui è stata data la classificazione 7+.

Nel gioco (la versione online è gratuita all’indirizzo www.playagainstallodds.com) i videogiocatori devono cercare di superare le difficoltà dei rifugiati e sperimentare le discriminazioni spesso vissute. "Against all Odds è un gioco online molto popolare sin dal suo lancio nel 2005 – ha commentato Peter Kesskler, portavoce UNHCR a Londra – Centinaia di migliaia di ragazzi hanno imparato molto sulla vita dei rifugiati giocando a questo gioco. Data la sua popolarità, desideriamo assicurarci che i giovanissimi non siano esposti a contenuti indesiderati, anche se il gioco è prima di tutto educativo e non disponibile per la vendita. Oltre al logo del PEGI Online, sul sito del gioco abbiamo messo in evidenza la classificazione 7+".

Comments are closed.