MINORI. In mille a Verona per dire no agli psicofarmaci ai bambini

I Rappresentanti del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani di Torino, Aosta, Firenze, Trieste, Padova, Pordenone, Macerata, Roma, Brescia, Monza, Novara, Bergamo, Milano ed anche una rappresentanza dalla Francia si sono dati appuntamento ieri in Piazza Pradaval ed hanno marciato per le strade di Verona fino a fermarsi davanti al Polo Zanotto dell’università scaligera.

Qualche giorno fa l’EMEA, European Medicines Agency ha dato la notizia che il Prozac può essere somministrato ai bambini dagli 8 anni in su, questo è un fermo NO agli psicofarmaci ai bambini. Il CCDU non vuole che si ripeta in Italia quello che in USA è una verità da molti anni, negli Stati Uniti più di 8 milioni di bambini sono sottoposti a trattamenti psico-farmacologici. A causa dei pesanti effetti collaterali degli psicofarmaci prescritti, che in vari casi hanno determinato anche la morte del bambino, gli USA hanno dovuto intraprendere azioni legislative per contenere il dilagare di questo fenomeno e tutelare genitori e figli nelle scuole da azioni coercitive che violavano alcuni diritti fondamentali. Nel sito del CCDU, www.ccdu.org, è possibile vedere un documentario di alcune televisioni americane che hanno rivelato la drammaticità degli psicofarmaci e i loro effetti devastanti.

Il CCDU continuerà a denunciare gli abusi della psichiatria nel campo della salute mentale.

Comments are closed.