MINORI. Produttore del porno chiede più protezione dei bambini sul web. Il commento del Moige

La società di produzione di film pornografici, l’americana Vivid Entertainment, si è rivolta ai colossi di internet Google e Yahoo chiedendo di fare di più per proteggere i bambini dall’esposizione a contenuti di carattere sessuale sulla rete. "E’ significativo che si sia arrivati al punto di ricevere sollecitazioni da chi produce sesso per operare in direzione della protezione dei bambini su internet", ha affermato Elisabetta Scala, Responsabile dell’Osservatorio media del Moige-Movimento Italiano Genitori. "Da anni diciamo che i bambini vengono lasciati troppo soli davanti alla rete, e che questo li espone a pericoli di ogni genere: da qui la necessità di una presa di responsabilità da parte degli operatori del settore. Basti pensare che in Italia (indagine SWG per Moige) il 24% dei genitori lascia che il figlio navighi da solo e il 47% lo controlla solo saltuariamente. Risulta dunque che solo il 29% dei minori viene costantemente seguito durante la connessione. Nel 45% dei casi il pc è nella camera dei genitori e nel 29% in una stanza centrale della casa ma c’è anche un 25% dei genitori che lascia il pc in camera dei figli. In una casa su 4 dunque questo è a completa disposizione dei ragazzi ed è difficilmente controllabile dagli adulti".

"Ma il rischio – prosegue la Scala – è anche a scuola: il 64% degli insegnanti non ha seguito corsi sui pericoli on line, e in una scuola media su 5 i pc non dispongono di filtri per i minori. Tutto questo deve far pensare: è necessario che i motori di ricerca, nonché le case produttrici di software, uniscano le forze per progettare assieme alle famiglie modelli tecnologici di filtro e iniziative formative che possano far da contrasto all’esposizione dei minori a contenuti di carattere sessuale sulla rete".

Comments are closed.