MINORI. Telefono azzurro: 21,1% dei bimbi lasciati soli su internet

"Bambini e adolescenti? Mai più soli di fronte alle nuove tecnologie". Ad augurarlo è Telefono Azzurro che questa mattina a Roma, durante il convegno "Internet e minori: esperienze a confronto", ha illustrato dati allarmanti sulla situazione italiana: il 21,1% dei bambini tra i 7 e gli 11 anni naviga in perfetta solitudine, senza il controllo di un adulto. La percentuale sale al 50,3% tra gli adolescenti (12-19 anni). Infine, 6 volte su 10 i genitori non fanno neanche un monitoraggio minimo di temi e contenuti della navigazione dei figli.

In occasione del Safer Internet Day 2008, Telefono Azzurro, membro dei principali network europei per la tutela dell’infanzia, ha invitato i rappresentanti delle istituzioni nazionali ed internazionali e delle principali industrie di telefonia mobile e provider ad un tavolo di confronto per "favorire un clima di confronto e di assunzione di responsabilità, coinvolgendo non solo genitori ed insegnanti, ma anche operatori di telefonia mobile, fornitori di servizi internet, società civile e istituzioni, senza operare demonizzazioni collettive".

"Assistiamo oggi – ha detto il Presidente di Telefono Azzurro, Ernesto Caffo – ad un’enorme diffusione delle nuove tecnologie, incredibile risorsa ma anche pericolo per quei soggetti particolarmente vulnerabili che ne rappresentano i maggiori fruitori: i bambini e gli adolescenti. Gli strumenti di tutela finora adottati non sono sufficienti. Non è più possibile lavorare in modo rammentato. Dall’Europa e da oltreoceano arrivano chiare indicazioni sulla direzione da intraprendere: azioni congiunte ed integrate da parte di tutti i soggetti coinvolti, in partnership con le istituzioni".

A cura di Laura Muzzi

Comments are closed.