MINORI. Videogioco sul bullismo. MDC Junior chiede stop alla distribuzione: “Incita alla violenza”

Il Dipartimento Junior del Movimento Difesa Cittadino (MDC), chiede che sia bloccata la distribuzione del videogioco sul bullismo "Canis canem edit", la cui uscita ha già scatenato polemiche negli Stati Uniti. Il videogioco uscirà in Europa con un titolo diverso da quello utilizzato negli USA, "Bully", proprio per evitare l’associazione del gioco con il diffuso fenomeno del bullismo. Le società distributrici inglesi hanno già deciso di bloccarne la diffusione.

"Cambiando il nome al videogame cambia la forma ma non la sostanza – afferma Lucia Moreschi, responsabile di MDC Junior – In realtà il gioco è una scuola di violenza in cui si incitano i ragazzi a rispondere all’aggressività con altrettanta brutalità. Nel videogioco – spiega Moreschi – il player per evitare di soccombere alle violenze dei compagni, è costretto ad utilizzare le stesse armi dei suoi aggressori. E non ci convince per niente chi – continua Moreschi – cerca di dare una lettura pedagogica al game, sottolineando come il percorso obblighi il giocatore ad approfondire le proprie abilità scolastiche: quali modelli positivi possono arrivare ai ragazzi da un messaggio che li invita ad utilizzare la propria cultura come strumento per veicolare violenza?"

Il Dipartimento Junior di MDC chiede al Tribunale un provvedimento d’urgenza per bloccare la distribuzione del videogame per tutelare i minori e lancia un appello affinché anche in Italia i distributori decidano di non commercializzare il videogame, come le società inglesi. MDC chiede, però, che le istituzioni, a cominciare dal Parlamento, "superino il volontarismo introducendo una disciplina ad hoc che detti precise regole per la vendita di videogiochi ai minori. I suggerimenti non sono più sufficienti".

Comments are closed.