MULTE. Lecce, due sentenze dei Giudici di Pace accolgono ricorsi presentati da MDC

Due sentenze dei Giudici di Pace accolgono ricorsi presentati da MDC Lecce per conto di due automobilisti salentini. La prima – spiega l’associazione – è relativa all’obbligo del Comune di fornire la prova in ordine alla regolare notificazione di intimazione a comunicare i dati del conducente per la validità della salatissima sanzione di € 357,00 nel caso di mancata ottemperanza all’obbligo di comunicazione previsto dall’art. 180, comma 8 Codice della Strada.

La seconda è relativa a multe con autovelox e sancisce la nullità del verbale nel caso di mancanza di contestazione immediata quanto l’apparecchiatura sia posizionata su strade urbane di scorrimento e su strade extraurbane secondarie ed il tratto di strada non risulti inserito nel decreto del Prefetto che ha la competenza all’individuazione delle strade su cui si può procedere agli accertamenti con le modalità previste dall’art. 201, commi 1 bis e 1 ter del Codice della Strada.

MDC Lecce precisa che "non possono essere sanzionati gli automobilisti a cui il verbale è stato notificato per compiuta giacenza in quanto gli stessi non sono stati concretamente informati dell’obbligo di comunicare il nominativo del conducente dell’autovettura. La sentenza relativa all’autovelox, anche se emessa nei confronti del Comune di Vernole, ha rilevanza per gli autovelox posizionati sui viali della città di Lecce nel caso non si sia provveduto alla contestazione immediata dell’infrazione".

Comments are closed.