MUTUI. Abi: presto tavolo di confronto con Consumatori. Associazioni apprezzano iniziativa

L’Adoc esprime apprezzamento per la decisione dell’Associazione bancaria italiana di aprire un tavolo di confronto sui mutui con i consumatori, in particolare per i mutui a tasso variabile e a tasso variabile misto. Al termine del comitato esecutivo dell’Associazione, il presidente Giuseppe Mussari ha, infatti, annunciato che è pronto a partire un tavolo tra l’Abi e le associazioni dei consumatori sui mutui. "L’invito al confronto – ha aggiunto il presidente – è stato rivolto a tutte le 17 associazioni di consumatori che fanno parte del tavolo permanente di dialogo".
L’Adoc, preoccupata dell’aumento del costo del denaro nei prossimi mesi e della conseguente esplosione della rate dei mutui, auspica che il tavolo possa avviarsi rapidamente, al fine di tutelare i clienti-consumatori.

Mussari ha anche affrontato la questione che ha tenuto banco nei giorni scorsi relativa alla commissione sul prelievo del contante: il comitato esecutivo dell’Abi raccomanda che ciascuna banca, libera comunque di agire come crede, offra almeno un conto corrente in cui non sia prevista alcuna commissione sul prelievo di contante allo sportello. Secondo l’Adoc, sarebbe opportuno anche garantire l’assenza di commissioni per ogni prelievo inferiore ai 500 euro, a prescindere dalla tipologia di conto corrente. I clienti, anche e soprattutto quelli multi decennali, non devono essere costretti a cambiare conto in conseguenza di modifiche unilaterali del contratto sul prelievo dei propri soldi allo sportello.

Anche La Casa del Consumatore accoglie con favore la proposta del Presidente Mussari: "Si tratta di un importante passo avanti nel confronto tra le Associazioni di consumatori e l’Associazione Bancaria Italiana – commenta l’avv. Giovanni Ferrari, Presidente della Casa del Consumatore – in un momento in cui la variabilità dei tassi può tornare nuovamente ad incidere in maniera pesante sul bilancio delle famiglie italiane. Ci auguriamo di poter avviare un’importante campagna informativa con la disponibilità delle banche a venire incontro alle esigenze dei clienti, anche favorendo l’accesso a forme di mutuo innovative a rischio limitato".

Apprezzamento anche dal Movimento Difesa del Cittadino. "Apprezziamo molto la disponibilità del Presidente ABI Giuseppe Mussari ad affrontare insieme con le Associazioni dei Consumatori il problema del costo dei mutui che stanno salendo pericolosamente per i bilanci familiari – ha detto il presidente MDC Antonio Longo a proposito dell’avvio di un tavolo permanente di dialogo sui mutui tra ABI e Associazioni dei Consumatori – Con l’occasione andranno affrontati anche i problemi relativi alle commissioni sui prelievi di contante che molte banche hanno introdotto e che a giudizio del Movimento sono del tutto ingiustificati e rischiano di vanificare la battaglia comune di banche e associazioni a favore dell’uso della moneta elettronica invece del contante".

Anche Cittadinanzattiva apprezza l’apertura dell’ABI e conferma la propria disponibilità ad un confronto costruttivo con l’Associazione bancaria. "Nelle dichiarazioni del Presidente Mussari – dichiara Antonio Gaudioso, vicesegretario generale di Cittadinanzattiva, – cogliamo quel necessario senso di responsabilità proprio di chi non può far pesare le esigenze di salvaguardia dei ricavi delle banche sulle spalle dei cittadini. La vera sfida è ora tradurre in fatti concreti da parte dei singoli istituti di credito la raccomandazione del comitato esecutivo dell’ABI, specie per quanto riguarda la volontà di mantenere a disposizione della clientela almeno una tipologia di conto corrente senza commissioni di prelievo allo sportello". "Il coinvolgimento delle Associazioni dei Consumatori ad un tavolo di lavoro con l’ABI – conclude Gaudioso – non può prescindere da una comune volontà di contenere al massimo i costi sopportati dai risparmiatori, ponendo come possibile obiettivo condiviso la lotta al contante ed un uso responsabile della moneta elettronica".

Confconsumatori ha accolto con vivo interesse l’iniziativa proposta dal presidente di ABI, Giuseppe Mussari e precisa: "L’aumento dei tassi d’interesse, che potrebbe essere formalizzato già a partire dal mese prossimo, in occasione della riunione del consiglio direttivo della Bce convocato a Francoforte il 6 e 7 aprile, si unisce alle preoccupazioni che quotidianamente Confconsumatori raccoglie dai propri associati in difficoltà con la scelta del mutuo casa. Confconsumatori condivide – commenta Mara Colla, presidente nazionale di Confconsumatori – pienamente la finalità di aiutare i clienti delle banche nella scelta tra tassi fissi e variabili, soprattutto tenendo conto dell’allarme inflazione lanciato dalla stessa Banca Centrale Europea".

Adiconsum e Assoutenti apprezzano le dichiarazioni del presidente Mussari, che vedono come un primo passo. In particolare Adiconsum e Assoutenti ritengono fondamentale l’abolizione da parte di tutti gli istituti della commissione di prelievo del contante e una informazione corretta ai potenziali mutuatari in termini di vantaggi e di rischi nella scelta del tasso di interesse dei mutui. Per tale motivo Adiconsum e Assoutenti parteciperanno costruttivamente al tavolo di lavoro dove porteranno anche altri argomenti tra cui, come già concordato con la stessa ABI, la ricerca di soluzioni a regime per il "piano casa".

Comments are closed.