MUTUI. Abi: procedura portabilità tutela i consumatori

La procedura di portabilità dei mutui definita dall’Abi e dai Notai risponde alle istanze delle Associazioni dei consumatori che hanno più volte sollecitato, insieme allo stesso Ministero dello Sviluppo Economico, un intervento per la semplificazione delle concrete modalità operative della surrogazione nelle operazioni di mutuo. Così l’Abi risponde alla segnalazione inviata dall’Antitrust al Ministero, all’Abi e al Consiglio Nazionale del Notariato.

Le banche – sottolinea l’Abi – sono libere di aderire alla procedura interbancaria predisposta o di adottare altre modalità operative che esse ritengano preferibili. La procedura individuata, qualora adottata, impegna a rispettare tempi massimi ma non esclude tempi inferiori favorendo quindi le dinamiche di mercato. Nel dare certezza alla clientela è finalizzata a facilitarne la mobilità in un quadro che stimola la concorrenza fra banche.

La procedura non prevede in alcun modo che la banca originaria presti il proprio consenso alla surrogazione nell’ipoteca che, al contrario, spetta esclusivamente al debitore. La possibilità di definire diversi rapporti contrattuali attraverso la sottoscrizione di un "atto unico" è una soluzione operativa intesa ad assicurare, proprio mediante la contestualità, immediatezza all’operazione.

La procedura non ha avuto ancora avvio operativo. Il settore bancario è ovviamente pronto a recepire i suggerimenti e le proposte volte a migliorare l’efficacia delle operazioni di portabilità.

Comments are closed.