MUTUI. Ance: mutui italiani più cari d’Europa

Allarme mutui: quelli italiani sono i più cari d’Europa. Lo denuncia l’Ance, Associazione nazionale costruttori edili, secondo cui questa situazione costituisce un ostacolo alla ripresa del mercato immobiliare. L’Ance ha preso come base di riferimento i tassi sui mutui alle famiglie della Banca Centrale Europea: per un mutuo di 150.000 euro (durata di 25 anni) sottoscritto a settembre, in Italia si pagano 9.000 euro in più rispetto agli altri paesi dell’area euro. Per un mutuo sottoscritto ad agosto la cifra sale a 17mila euro. L’Ance nel rapporto "Il credito nel settore delle costruzioni in Italia" spiega che questo comportamento delle banche italiane è poco giustificato perché "la rischiosità delle famiglie italiane è rimasta molto bassa dall’inizio della crisi a oggi, al contrario di quanto accaduto in molti Paesi europei, caratterizzati da un forte indebitamento individuale".

L’Ance punta il dito contro il differenziale dei tassi di interesse tra l’Italia e il resto dell’area euro: mentre in Eurolandia a settembre i tassi medi sui mutui erano al 3,74%, in Italia la media era al 4,1%, con una differenza dello 0,36%. C’è una "resistenza a scendere dei tassi rispetto all’Irs 10 anni (il tasso base di indicizzazione). E gli italiani non solo pagano rate più salate, ma spesso sono "costretti" ad assumersi rischi poiché i tassi maggiormente richiesti dalle famiglie sono il fisso e il variabile con cap". La metà dei mutui erogati dalle banche è a tasso variabile. E dato che "le aspettative sui tassi sono al rialzo, da tempo si esprimono dubbi su questo comportamento che mina la solidità del mercato".

Comments are closed.