MUTUI. CTCU: in Alto Adige alcune banche chiedono costi notarili per surrogazione

Alcune banche in Alto Adige chiedono ancora i costi notarili per la surrogazione del mutuo. È quanto denuncia il CTCU (Centro tutela consumatori utenti) che ha deciso di sottoporre la questione all’Autorità Antitrust. "In un’epoca in cui molti consumatori, anche quelli che posseggono già un mutuo, sono alla ricerca della miglior occasione sul mercato per spuntare condizioni sempre più favorevoli e decidono quindi, magari, di "surrogare" il proprio mutuo con un nuovo istituto bancario, vi sono banche che condizionano la surrogazione al pagamento di tutte o parte delle spese notarili collegate all’operazione. Il CTCU contesta queste richieste e chiede l’intervento dell’Antitrust", si legge in una nota stampa dell’associazione.

Sotto accusa ci sono alcuni istituti a livello locale. Il CTCU richiama tutta la legislazione al riguardo, dalla legge Bersani bis alla Finanziaria 2008 alla relazione al Parlamento dell’Autorità Antitrust, e denuncia: "Insomma la volontà del legislatore è chiara o almeno dovrebbe esserlo, visto che, a livello locale, vi sono istituti (vedi ad esempio la Banca Popolare dell’Alto Adige) che continuano a dare interpretazioni difformi e a loro favore di dette norme". A chi si appresta a chiedere la surrogazione del proprio mutuo, l’associazione "suggerisce di insistere per avere quello che la legge espressamente riconosce loro: la surrogazione deve essere e rimanere un’operazione gratuita in tutto e per tutto".

Comments are closed.