MUTUI. Intesa Sanpaolo lancia la portabilità gratuita. Soddisfatta MDC

Dal 18 febbraio tutti i costi del trasferimento di un mutuo presso una qualsiasi filiale di Intesa Sanpaolo sono a totale carico della Banca stessa. Lo rende noto il gruppo che precisa: l’iniziativa punta a favorire la piena portabilità dei mutui in forma completamente gratuita, come indicato dalla legge e auspicato dalle associazioni dei consumatori.

Attraverso la sostituzione per surroga – spiega in una nota la Banca– il nuovo cliente potrà così trasformare il mutuo acceso presso un’altra banca in uno dei mutui a tasso fisso o variabile di Intesa Sanpaolo, destinati alla clientela privata. Il nuovo mutuo sarà di importo esattamente pari al debito residuo del mutuo preesistente e sarà regolato dalle condizioni che caratterizzano i prodotti di Intesa Sanpaolo. La sostituzione per surroga presenta inoltre ulteriori vantaggi, quali l’esenzione dell’imposta sostitutiva sul nuovo mutuo e il mantenimento delle agevolazioni fiscali di cui eventualmente beneficiava il finanziamento originario (detraibilità degli interessi passivi e degli altri oneri accessori).

La notizia è stata accolta con favore da Antonio Longo, Presidente del Movimento Difesa del Cittadino (MDC) che commenta: "Finalmente un grande gruppo bancario realizza la portabilità gratuita dei mutui. Con questa scelta lungimirante e sensibile alle difficoltà attuali di molti mutuatari, Intesa Sanpaolo dà seguito a quanto previsto dalla legge Bersani (legge 40 del 2 aprile 2007) e alle precisazioni sull’assoluta "esclusione di penali o altri oneri di qualsiasi natura" per la portabilità dei mutui, disposta successivamente dalla legge finanziaria 2008".

Longo ha ricordato le passate "incertezze interpretative" sul quanto stabilito dal decreto Bersani in materia di portabilità dei mutui, un provvedimento che voleva "alleggerire il peso delle rate a carico dei mutuatari a tasso variabile, favorire la concorrenza tra le banche a favore degli utenti. Finora nessun istituto bancario aveva attuato queste disposizioni, dimostrando miopia e scarsa propensione a una vera concorrenza".

"La scelta di Intesa Sanpaolo – prosegue il presidente di MDC – rompe questo fronte e coerentemente a una politica attenta al cliente, confermata dall’AD Passera anche nell’incontro di ieri con le associazioni dei consumatori, offre la possibilità concreta di pagare di meno per il mutuo. L’opportunità vale soprattutto per chi ha un mutuo a tasso variabile e ha ancora molti anni da pagare. E’ importante, inoltre, ricordare che già Intesa Sanpaolo aveva dato la possibilità ai sottoscrittori di mutui in difficoltà di sospendere il pagamento delle rate e di allungare la durata del mutuo".

Comments are closed.