MUTUI. Mutui on-line, a richiederli sono giovani con buona liquidità

Sono soprattutto ragazzi giovani (38 anni di media) e con buona liquidità (uno stipendio di poco superiore a 2.300 euro) a richiedere i mutui on-line. E’ la fotografia scattata dall’"osservatorio mutui" del portale web www.mutui-internet.it per il periodo gennaio/marzo 2011 (quasi 26mila richieste in 3 mesi). Nato a dicembre 2010, il progetto mutui-internet.it offre, oltre alla consulenza personalizzata per trovare le forme di finanziamento più adeguate della clientela on-line, anche, unico in Italia, il rapporto diretto con il cliente dal primo contatto fino all’atto notarile.

A richiedere di più i servizi di mutui-internet, sono i "dipendenti a tempo indeterminato" (79%); seguono gli "autonomi con partita Iva" (9%), i "liberi professionisti" e i "pensionati" (4%). Le richieste di preventivi on-line e di servizi riguardano principalmente l’acquisto della prima casa che, con oltre 2 miliardi di euro e una richiesta media di 160mila euro, sono il 59,4% del totale. Corpose anche le richieste di surroghe: oltre 560 milioni di euro e una richiesta media di finanziamento di 125 mila euro sono il 17,3%.Il 7% dei richiedenti ha inoltrato domanda per operazioni di "sostituzione+liquidità", mentre il 6% per l’acquisto della seconda casa.

"Sarà interessante notare i dati dei prossimi trimestri -commenta Enrico Piacentini, responsabile web marketing di mutui-internet.it – perché la richiesta di surroga, ossia la portabilità di un mutuo da una banca a un’altra, è una costante anche per il web. Ma tra i dati che abbiamo raccolto grazie al nostro servizio web, uno è molto interessante: quello dell’Ltv (Loan to value), ossia il rapporto tra l’importo richiesto e il valore dell’immobile. La media si attesta di poco sopra il 71%. Ciò dimostra che chi richiede servizi finanziari on-line ha una disponibilità finanziaria più che discreta".

 

Comments are closed.