MUTUI. Unicredit sospende rata per famiglie in difficoltà. MDC: “Bene, si migliori ancora”

Unicredit lancia "un paracadute per le famiglie in difficoltà" con l’iniziativa "Insieme 2009": si potrà sospendere il pagamento della rata del mutuo gratuitamente fino a un massimo di 12 mesi. L’iniziativa si rivolge ai clienti in temporanea difficoltà economica, alle famiglie che hanno acceso un mutuo presso una delle banche del gruppo e non riescono a pagare la rata.

In particolare, spiega Unicredit in una nota, "Insieme 2009" riguarda le famiglie che non riescono a pagare la rata "a causa di uno dei seguenti eventi nel periodo che va dal 1/10/08 al 31/12/09: perdita del posto di lavoro per dipendenti a tempo indeterminato e per tutte le categorie di lavoratori atipici; Cassa Integrazione Ordinaria e Straordinaria; separazione o divorzio, per famiglie con figli a carico; decesso di uno degli intestatari". L’iniziativa riguarda le famiglie a minor reddito (fino a 25.000 euro lordi per nucleo familiare al momento della sottoscrizione del mutuo) e coinvolge più di 260.000 famiglie, circa il 30% del portafoglio mutui privati del Gruppo UniCredit. Le rate sospese saranno posticipate alla scadenza del mutuo senza oneri aggiuntivi per il cliente e verranno pagate al termine del piano di ammortamento, per il numero di mensilità corrispondenti alla rate sospese.

Per il Movimento Difesa del Cittadino "si tratta senza dubbio – ha detto il presidente Antonio Longo – di un’iniziativa interessante per quelle famiglie che si trovano in difficoltà, perché sorprese da eventi imprevisti come la perdita del lavoro". Da MDC arriva la richiesta di alcune modifiche migliorative: "la possibilità di aumentare il reddito massimo di 25mila euro con quote ulteriori di 5mila euro per ciascun componente familiare; di prevedere anche il caso di malattie gravi e invalidanti tra le cause di sospensione; di estendere a tutta la durata del mutuo questa possibilità, anche frazionando i 12 mesi previsti di sospensione delle rate".

 

Comments are closed.