Mercato immobiliare a due velocità: studio Tecnocasa

"E’ un mercato a due velocità: il centro-nord frena e il sud tiene". E’ quanto emerge da uno studio di Tecnocasa sull’andamento del mercato immobiliare per l’anno 2006. La crescita nel primo semestre è del (+3,62%), la più bassa dell’ultimo triennio, e di oltre un punto inferiore rispetto a quella dell’ultimo semestre del 2005 (+4,68%). I valori immobiliari nei capoluoghi meridionali, infatti, sono cresciuti del 3,43%, rispetto all’1,97% del nord e all’1,33% del centro.

In particolare, alcuni segnali di congelamento dei prezzi si confermano nei grandi centri come Milano, Firenze e Bologna. Più vivace l’andamento delle quotazioni immobiliari in Liguria, Puglia e Sardegna. L’elemento interessante secondo lo studio è che per la prima volta da molti anni, nel primo semestre 2006, sono cresciuti i valori nei comuni dell’hinterland (+4,12%) rispetto alle grandi città (+3,62%) e ai capoluoghi di provincia (+2,20).

In flessione le richieste per monolocali e trilocali a favore di quelle per i bilocali. A Milano per esempio la richiesta di piccoli tagli si attesta sul 58,6% con un calo dello 0,4% rispetto all’anno scorso. L’offerta di appartamenti da quattro e cinque locali invece è in aumento. Scendendo nel dettaglio delle singole città, Napoli si afferma come il mercato locativo dove i prezzi sono cresciuti di più nei primi sei mesi dell’anno (+6,2%), seguite da Bari (+5,5%) e Palermo (+5,2%). La maglia nera invece va a Bologna (+1,2%).

Per informazioni su acquisto prima casa ed eventuali agevolazioni clicca qui

Comments are closed.